Non che sia un’ossessione, ma se uno era un genio è probabile che le cose che lo riguardano siano interessanti

Non che David Foster Wallace sia una fissazione per me. Passano facilmente due giorni senza che ci pensi.

Ma questo articolo sul New Yorker aggiunge mattoncini interessanti alla figura privata, aiutando a comprendere quella pubblica.

Il titolo del post gioca sul fatto che l’ultimo romanzo di Wallace, che pare verrà pubblicato fra qualche mese, parla della vita di un gruppo di impiegati dell’agenzia delle entrate Americana, di come affrontino la noia mortale del loro compito, e di come non siano gli eventi ad essere interessanti ma il modo in cui li viviamo.

Nell’articolo mi ha colpito il passaggio in cui, nel 1994, scriveva a proposito delle note a margine per cui è diventato famoso, che, tra le altre cose, consentivano di mimare il flusso di informazioni e la categorizzazione dei dati che si aspettava sarebbe diventata una parte ancora più importante della vita negli Stati Uniti in capo a 15 anni*.

Non a caso oggi, 2009, una grossa sfida professionale e umana, è gestire in modo organico la mole di dati con cui veniamo in contatto ogni giorno. Un grazie a David per quel po’ di allenamento che ci ha consentito di fare già sul supporto cartaceo.

E concludo con quello che era l’auspicio di DFW, evidentemente non realizzato: “Credo di desiderare una adulta sanità mentale, che mi sembra l’unica completa forma di eroismo disponibile oggi.”

_____________
* vedi al proposito anche nota di Seth Godin sull’argomento spazio, mentale più che fisico.

2 commenti

Archiviato in malatamente, personaggi, scrivere

diceva, “le parole sono importanti”

Nella diatriba di questi giorni sulla successione alla guida del Partito Democratico continua a comparire il termine “reggenza”, che mi pareva poco rispondente, in senso evocativo, ad una tradizione e a un futuro della formazione politica in questione.

Poi ho letto nel demauroparavia che un significato alternativo del vocabolo è “tenuta del mare di un’imbarcazione” e ho pensato che, alla fine, potrebbe essere anche adeguato.

Lascia un commento

Archiviato in comunicare, dubbi

Frasi (anomale) sui baci Perugina

E direi che con questa i sospetti del passato su un impiegato poco legato alla mission aziendale, o quanto meno cinico sull’argomento, siano confermati
frasi (anomale) sui baci perugina

6 commenti

Archiviato in amenità, dubbi

Il Viaggiatore

“terreno di nuova formazione proveniente dal mare”

Da una visura catastale, l’ultimo luogo dove penseresti di trovare stimoli a fantasticare

Lascia un commento

Archiviato in filosofia minore

E rimetti a noi i nostri debiti….

Da una “proposta” di lavoro giunta via email.

Tra i requisiti richiesti:

‘abilita di usare dei resorsi dell’internet e di esprimere correttamente Vostri pensieri’

Lascia un commento

Archiviato in comunicare, filosofia minore, scrivere

Disconnesso

Ci sono giorni in cui guardi una pubblicità e ti rendi conto che una fascia di popolazione ti è completamente estranea. E non ne sei del tutto dispiaciuto.

non cliccate, è solo l'immagine della pubblicità

non cliccate, è solo l'immagine della pubblicità

Lascia un commento

Archiviato in filosofia minore

David Foster Wallace

Ne avevo parlato più volte con toni entusiastici e a volte confusi, perché era così avanti che a cercare di raggiungerlo ti veniva il fiatone e faticavi a ragionare.

Beh, si è suicidato, a 46 anni.

Questa è la trascrizione di un discorso fatto tre anni fa in cui cita anche il suicidio.

A leggerlo adesso vien da fare tutte le elucubrazioni del caso. In realtà il suicidio, in termini di riflessione, non può mancare nel curriculum di qualsiasi pensatore.

Da questo a metterlo in atto ne passa, e David Foster Wallace, adesso, è passato.

Riposi in pace, come si suol dire. Ci mancherà.

2 commenti

Archiviato in libri, news, personaggi, scrivere