Non Fiction in Action

Alix Kates Shulman, alla richiesta su come gestisce lo scrivere di cose personali nei suoi libri, ha risposto che, mentre scrive, si dice che tanto non la leggerà nessuno, oppure che potrà sempre toglierlo in seguito.

In realtà ha atteso la morte dei suoi genitori per pubblicare un libro che ne parlava.

Non è facile scrivere di chi si conosce. Sul sé uno si barcamena, e magari si dipinge in coerenza con l’immagine che vede o che vuole trasmettere. E comunque decide in prima persona (scoprendo in seguito che i lettori scelgono per conto loro il significato di quello che leggono).

Ma gli altri?

Annunci

2 commenti

Archiviato in scrivere

2 risposte a “Non Fiction in Action

  1. Molto difficile parlare degli altri nella propria scrittura. Un senso di intrusione agita che mi blocca.
    Eppure non si può scrivere se non di sé e degli altri.

  2. Resta una ferita aperta.

    E i romanzieri se la ridono.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...