Anche Jane Austen Aveva i Suoi Problemi

Pochi giorni fa parlavo di writersonwriting e ne riparlo perché un corposo viaggio in macchina mi ha permesso di ascoltare parecchi dei colloqui che la padrona di casa ha intrattenuto con vari personaggi del mondo editoriale.

Mi permetto di insistere, per chi sia interessato e si barcameni con l’americano ascoltato, sono podcast da non perdere.

Gli agenti danno consigli utili a chi vuole essere pubblicato, gli scrittori danno consigli utili a chi vuole scrivere e/o vuole essere pubblicato. Chi vuole solo leggere comunque credo potrebbe ascoltare con avida curiosità i dietro le quinte dei libri.

Si parla infatti di quando vengono scritti e con che processi, come nascono le idee, come vengono costruiti trame e caratteri. E come si gestisce la post produzione, in particolare i rifiuti.

A questo proposito, nel mio intento mai domo di elevare il mio punteggio culturale(1), sto cominciando Orgoglio e Pregiudizio(2).
Ebbene, nella prefazione viene detto che Jane Austen lo scrisse a vent’anni, ma non venne pubblicato che 16 (sedici) anni dopo, per varie traversie personali, non ultimi alcuni rifiuti degli editori.

E non lasciamoci sfuggire un facile sorrisetto sarcastico dietro le spalle del “professionista” che non aveva accolto il manoscritto della Austen con l’entusiasmo di milioni di successivi lettori.

In fondo l’agente, o l’editore, per quanto scafato, intelligente, orientato al mercato o meno, è comunque una persona, e ha i suoi gusti.

Fossi stato un agente e avessi ricevuto un manoscritto di Wilbur Smith probabilmente l’avrei rispedito al mittente con diplomatiche parole di apprezzamento.

Per cui, se puntate a farvi pubblicare, ma in fondo anche se non, direi che la tenacia è una dote fondamentale.

A te invece, che hai cercato nella rete digitando “a chi rivolgersi per scrivere un libbro”, dico solo che spero sia stato un errore di battitura. O una battuta.

_____________

(1)se vogliamo tirar fuori il pistolotto che la cultura non si fa a punti, sono d’accordo, non partiamo neanche, l’ho scritto perché dava un’aria sbarazzina al messaggio.

(2)in realtà mi attanaglia il dubbio di averlo già letto nella lontana adolescenza, ma siccome non mi ricordo nulla, se non le citazioni che ne fanno innumerevoli altri scrittori, direi che non lo conto per il punteggio, ancora.

Annunci

4 commenti

Archiviato in scrivere

4 risposte a “Anche Jane Austen Aveva i Suoi Problemi

  1. io ho letto orgoglio e pregiudizio molti anni fa. mi sono ripromessa di leggere anche gli altri libri di jane austen ma per ora resta solo un’ idea. per elevare il mio punteggio culturale, qualche settimana fa ho stilato un paio di playlist http://shymay.wordpress.com/playlist/

  2. E’ dura, è dura. Ci valutassero sugli acquisti non sarebbe neanche male, ma se vanno sull’effettivamente letto è tragica.

    🙂

  3. ah ah ah 🙂 vista la mia lista acquisti? 🙂

  4. già, vedremo quanti si sposteranno nella lista dei letti.

    Che sia da aggiungere quella degli “scaffalati a disposizione”?

    Su quella sarei fortissimo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...