Anna (Taddìa spinoff)

(E i nomi son sempre di fantasia) avevamo lasciato Anna al suo primo giorno di lavoro, a destreggiarsi tra caffé lunghi in tazza grande, macchiati caldi senza schiuma, capuccini e, bisogna anche tirarsi su, qualche bianchetto.

Sabato scorso sono tornato per la prima volta e, dopo un attimo di impercettibile ritardo si è ricordata il mio “solito”, con una richiesta di conferma giusto per essere sicuri.

E parliamo allora di come nei lavori a contatto con il pubblico basti poco per dare del valore aggiunto che, anche se non necessariamente subito, ripaga.

Cresciuti a caroselli e pubblicità ormai siamo piuttosto scafati nel riconoscere chi dimostra un sincero interesse e chi fa sfoggio di piaggeria interessata.
Ma anche se fosse quest’ultima richiede comunque un certo sforzo che io, di tendenza, premio. E credo più o meno inconsapevolmente anche gli altri alla fin fine.

Perché sembra così difficile da capire? Ti passa anche di più, un sorriso, un po’ di attenzione. Mah.

In ogni caso Anna è della versione genuina, presta attenzione e si vede che ci tiene a far bene il suo lavoro.

So però che tutti si chiedono come stia il Taddìa.

Oggi sfoggiava una faccia soddisfatta, era fresco di rasatura. Dal barbiere.

Non ho nulla contro le rasature professionali, ma ricordo dalla puntata precedente che il Taddìa chiede soldi ai passanti (per il bus, ufficialmente).

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in personaggi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...