Un Romanziere Alle FS

Molte persone fanno un lavoro che non amano e si limitano a lamentarsi, il che è semplicemente triste, altre fanno un lavoro che non amano per pagare le bollette e fare nel tempo libero quello che veramente piace loro, vedi per esempio George Clooney, che fa i film di cassetta per poi poter produrre quelli che piacciono a lui.

Ok, forse non è l’esempio migliore.

L’esempio che voglio portare è quello del ragazzo, volenteroso, che opera all’oscuro di qualche scantinato degli uffici centrali delle FS, settore marketing e relazioni con la clientela.

Il suo vero sogno è probabilmente scrivere un libro, più precisamente un romanzo, senz’altro qualcosa che nessuno ha mai nemmeno osato immaginare.

Nel frattempo gas e luce vanno pagati e quindi è lì che trasforma in comunicazione le idee che vengono ai vertici FS, lassù, dove volano le locomotive.

Non è però uno di quelli che si imboscano, anche se non sta facendo il lavoro dei suoi sogni cerca di farlo al meglio, e la grande occasione gli viene porta quando nella sala dei bottoni decidono di rimpinguare le entrate, sofferenti, aumentando il prezzo degli Intercity.

E’ lui infatti che propone la struttura del posterino che poi verrà affisso nelle stazioni e nei treni. Non proprio un bestseller, ammettiamolo, ma in quanto a visibilità è secondo a pochi, diciamocelo.

Lo considera un po’ il suo capolavoro. Il titolo principale è “più comfort con il biglietto unico” e gli Intercity si trasformano in Intercity plus, per darvi un servizio ancora migliore. La prenotazione sarà obbligatoria (1€ fino a 300km, 2€ oltre) per consentirvi di avere sempre il posto a sedere e godere del viaggio nel modo migliore.

Laddove un saggista, o un semplice scrivano, avrebbe comunicato che la prenotazione, a pagamento, diventava obbligatoria, punto, (e tralasciamo il fatto che se uno voleva il posto e il comfort se li prenotava anche prima) lui è andato oltre tentando di farci partecipi di un sogno, di quel mondo fantastico tanto apprezzato, per esempio, dai lettori di fantascienza.

Per me è un ragazzo che farà strada, chissà se è lo stesso che ha rinominato vagoni e locomotive “materiale rotabile”.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in fiction, scrivere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...